Home Archivio XIII Edizione - 2012 Le poesie vincitrici della XIII edizione - Tema Acitrezza

Concorsi letterari.net

Concorsiletterari.net banner
Le poesie vincitrici della XIII edizione - Tema Acitrezza
Tema Acitrezza
1 posto

Acitrizza- matri di l’Etna di Santo Grasso

Ludari tutti ‘i lochi d’Acitrizza

speci cu lù dialettu sicilianu,

è ‘nfocu vivu ca lu cori attizza

cu ‘a radica di l’arbulu nustranu.

 

 Chista è ‘na terra ca nun havi uguali,   

pi fatti ‘i storia antica e di liggenni,   

pi li biddizzi c’havi, naturali,             

c’ogni trizzotu l’ama e li difenni.     

 

I Malavoglia pòrtunu a la menti,

Giuvanni Verga, lu granni scritturi,    

ca ni cuntò, senza scurdari nenti,

di sta famigghia, ‘i peni e li svinturi;

 

Ma Acitrizza nun è sulu chissu,

‘a storia l’havi longa e ‘ntirissanti,

perciò cu vèni ccà, ci torna spissu,

pirchì la trova veru affascinanti.

 

Chi Puisìa! Li scogghi du zu Ianu,

chiamati chiddi ‘i terra e chiddi ‘i fora,

stampati ‘nta lu cori di l‘anzianu

e du carùsu ca ‘i canusci ora;

 

lu monacu da rutta o l’eremita,

chiamata daccussì di l’abitanti,

Ulisse ca luttò pi la so vita

contru di Polifemu, lu giganti.

 

Chi meravigghia, l’Isula Lachea!

Isula longa cu li faragghiuni,

l’eternu amuri d’Aci e Galatea,

ca vèniri ni fa li suspiruni.

 

La cosa ca di chiù fa stranizzari,

è l’Etna, cu tutta la sò autizza,

pirchì nascìu ccà, ‘nta chistu mari

e la so matri è propriu Acitrizza!

2 posto

U mari di la Trizza… di Francesca Privitera   

(e menu mali... ca n' invintaru u mari)

 C'aviss'a statu di la nostra terra

 senza l'azzurru, nun ci vogghiu pinsari.

 A me' Sicilia, ricca di culuri

 si nun avissi avutu u blù do mari!

 

 Putevi fari a menu di la marina

 cu li so barchi pusati ammenzu u mari

 e di l’acqua cristallina da scogliera?

 Sugnu sicura non ci putevi stari

 

 E quannu ‘nto silenziu da matina

 li piscaturi partunu a piscari

e si senti sulu u scrusciu di li ondi

l’hai vistu chi culuri avi u mari?

                                     

Poi  fari a menu tu di la tò terra

terra di focu, di popoli, d'amuri 

di storia antica, di miti, di leggendi

terra di santi e di navigaturi.

 

E putissi fari a menu di la Trizza?

‘cche  Faragghiuni ricchi di passatu...

comu leggenda voli, scrivi Omero,

pirfinu Ulisse  arristò ‘ncantatu

 

Si narra ca fu 'n cantu di sirene

ca arrivava dò funnu di lu mari...

si dici ancora  ca a calata di la sira

si chiudi l’occhi, li poi sentiri cantari…

 

e…l’hai vistu all’alba, o all’ultimu tramontu

quannu si tingi di culuri rari…

e ora arrispunni a sta dumanna:

putissi fari a menu di lu mari?

        

Lu stissu mari  straluciri d’argentu

quannu a luna vasa e accarizza

li suspiri di ACI E GALATEA

n’funnu all’acqua trasparenti di la Trizza.

3 posto

Chiù valuri a nostra Trizza di Graziano D'Urso

Mi dissiru cettuni ca na vota,

‘ccani, unni nuatri semu a ‘pparari
n’da zona di scogghi e tera trizzota

ci stavunu cetti uomini di mari,
di munti, di ciumi e regni luntani 
ca i storî ‘i cui, fan’i canni arizzàri.

Siculi ‘ccu sicilioti e sicani,
arabi, turchi, spagnoli e francisi,
greci, bisànziu e macari rumani,

i tedeschi cu amiricani e i ‘gnlisi.
Mi cuntaru co’ paisi avja autru ‘nnomi:
u primu popul “Sifònia” ci mìsi;

u secunnu u chiamanu annunca comi
n ‘ciumi ca s’attruava sutt’a Reitana,
friddu assai e veramenti ranni, comi

“Ciumifriddu”, calannu d’a muntana:
“Akis” precisamenti mi cuntàru,
c’appoi fu cummigghiatu di na frana.

Accoluvoti n’giru mi pigghiàru?
“Akis? A ‘cchi stati ‘ncucchiannu docu!?
M’allinchisturu a testa paru paru:

A Trizza ju canusciu e non ci jocu,
ci travagghiu, e c’haïu figghi nichi;
non m’interessa chi fu na stu locu,

non mi ‘nciammu di storî di l’antichi.”
Chiss’è zzoccu ci rissi di nivvusu,
nficcari non mulennumi ne ntrichi,

accussì comu quann’era carusu,
e travagghiannu, ma non gnennu a scola,
d’ascutari e sturiari pessi l’usu.

Mi ni pintì a diri da parola
cunfidannu cu vuatri a virità,
ma manciannu, cariannu a cariola.

Mi cuntaru di rossi rarità,
di scogghi culunnari millinari:
biddizzi naturali n’quantità!

Mi cuntaru di cosi di ‘nzunnari:
fozz’e teremotu intr’e faragghiuni 
focu da muntagna sutt’o mari,

scinnenuci e acchianannuci assaiuni
arricchennula accussì ‘i meravigghi.
Mi dissuru ca ‘a Trizza era Cumuni,

co’ Sinnucu, i riunioni e i cunsigghi,
libera com’u volu di n’aceddu,
senza vinculazioni e mancu brigghi:

era ricca c’un palazzuni beddu,
e jèra chiù puntenti da Catina,
macari sutta avennuci u Casteddu!

U chiù mputtanti pottu da marina,
canciannu ancora nomina na vota,
fra pitrazzi, di scogghi e m’pochi ‘i rina,

puri scrissuru na storia assai nota:
Verga Giuanni de vicenni scrittori
d’a disgraziata famigghia trizzota,

fu u secunnu appressu u grecu äutori:
Omero ca cuntau gesta di Ulissi,
e scucchiannuci a Polifemu u cori.

Ascutannu ju sti paroli rissi:
“Ata scusari si mi fici bruttu ,
puri a lignuazza cascari m’avissi,

ma cuppa mia non’è si sugnu cuttu
di l’amuri pi chissi ‘nfummazioni!
Nuddu pe putenti ju ca arisuttu,

cui macari s’acchiappa pe’ gettoni
ma si facissuru na valintizza,
apparicchiannu beddi istituzioni,

non pi mangiarisi i cristiani a pizza,
ma scoli e musei pi sti canuscenzi
dassuru chiù valuri a nostra Trizza,

arricchennu di tutti li cuscenzi!”